L'Editoriale
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Nostalgia Ascolta Radio Amore Blu Ascolta Radio Amore OneDance Ascolta Radio Amore Rock

Coupon La Balera Dance

luogo sparatoria

Tornare due volte sullo stesso argomento non è generalmente mio costume. Ma sulla sparatoria che ha portato alla morte di un giovane rapinatore e al ferimento di un suo complice in un’area di servizio della tangenziale catanese, forse c’è qualcos’altro da dire.

Premetto che non ho ancora visto i filmati delle telecamere di sorveglianza del benzinaio. Non so dire, dunque, con precisione assoluta come siano andate le cose. Di certo, per molti anni ho frequentato i poliziotti: quelli che stanno in mezzo alla strada per 1300 euro; quelli che rischiano tutto, quelli che danno l’anima. Ne ho conosciuti altri corrotti e farabutti, ma vi assicuro che sono molto pochi e quasi sempre ho dovuto poi scrivere del loro arresto: leggendogli in faccia la vergogna del tradimento.

La tragedia dell'area di servizio è un fattaccio che impone accertamenti scrupolosi, sia chiaro, ma che alimenta anche le frenesie di ultra-garantisti a caccia di consensi. Li porta a diventare improvvisamente detective di CSI per pontificare, seduti al sicuro davanti al pc, sul perché un agente che si vede puntare addosso un’arma non abbia capito che era finta; perché non si sia fatto sparare per primo; perché non abbia pensato (tutto in poche frazioni di secondo) che c’erano le telecamere di sorveglianza e quindi sarebbe potuto andare a prendere a casa i banditi, lasciandoli fuggire serenamente con la loro auto rubata. Col senno di poi siamo tutti bravi; tutti eroi; tutti pacifisti. Anche chi usa le armi per minacciare, rapinare ed estorcere denaro alla povera gente. Ma dimentichiamo che se non ci fossero quelli che sparano, minacciano e uccidono per professione non ci sarebbe nemmeno il poliziotto con la pistola in mano. E non dovremmo interrogarci sul perché (o per difendere chi) ha premuto quel dannato grilletto.

direttore@grupporadioamore.it

Email: direttore@grupporadioamore.it

Twitter: @aspitaleri

ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO



Per ascoltare il Direttore Antonio Spitaleri in radio, sintonizzati su:

Radio Amore (Fm 99,00 per CT,SR,EN,RG,CL; 105.80 per ME; 88.30 per PA)
Tutti i giorni alle 7, 18, 19, 21 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

Radio Amore Nostalgia (Fm 91,60 per CT,SR,EN,RG,CL; 104.90 per ME)
Tutti i giorni alle ore 6.30, 18.30, 19.30, 22.30 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

Radio Amore Blu (Fm 92,00 per CT)
Tutti i giorni alle ore 7.15, 20.15, 21.15 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

N.B. Per le zone non raggiunte dal segnale FM, è possibile ascoltare la radio in streaming cliccando QUI.

Antonio Spitaleri

Antonio Spitaleri, giornalista professionista, è il direttore responsabile del Gruppo Radio Amore. In quattordici anni di carriera ha lavorato a Roma, Siracusa, Catania. Già corrispondente dell'Agenzia nazionale radiofonica Area, per 7 anni ha curato la cronaca nera e la giudiziaria ad Antenna Sicilia, prima emittente tv siciliana, conducendo tg e trasmissioni d'informazione. Laureato in Giurisprudenza e utopista del giornalismo: crede che la realtà vada raccontata e difesa. Nonostante tutto.