Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Nostalgia Ascolta Radio Amore Blu Ascolta Radio Amore OneDance Ascolta Radio Amore Rock
  • “giungla

    Urla, minacce, aggressioni contro i medici e gli infermieri. Talvolta qualcuno tira fuori un coltello, altre volte invece bastano le mani. Il far west scoppia per un nonnulla all’interno delle affollatissime sale d’aspetto dei Pronto soccorso catanesi. Appena ieri l’ultimo episodio al Vittorio Emanuele.

  • La Procura indaghi sulla morte di Giovanni Manna

    Venerdì scorso Radio Amore ha raccontato lo sfogo di una madre distrutta ma coraggiosa. Una madre che ha dovuto provare sulla sua pelle il dolore atroce di perdere un figlio di appena 29 anni senza sapere il perché.

  • “vigile

    A chi di noi, magari dopo essere stato beccato in sosta vietata o dopo aver sfilato dal tergicristallo una multa salata, non è venuto almeno una volta in mente di mandare a quel paese i vigili urbani che hanno redatto il verbale.

  • adolescente

    Ogni tentativo di suicidio mi infonde sempre un senso di sconforto misto a rabbia. Ancor di più quando scopro che a tentare di togliersi la vita è un ragazzino di appena 15 anni. E’ successo stamani a Catania: l’adolescente, intorno alle 7, si è affacciato dal quinto piano del suo palazzo e si è lanciato nel vuoto, fortunatamente salvandosi la vita.

  • “Catania,

    Gli effetti delle bombe di Bruxelles si traducono in paura, in disagi, nella preoccupazione che qualsiasi aeroporto o luogo affollato possa divenire un cumulo di macerie. Il terrorismo colpisce così: lancia il segnale e gode del panico, costringe i Governi e le prefetture a limitare (ci piaccia o no) in parte la nostra libertà.

  • “tribunale=“tribunale“

    Non ho mai amato l’indignazione a scoppio ritardato. Non apprezzo gli impavidi solo sui social, gli indignati a comando, i puristi a due velocità. Eppure ogni giorno, quel coraggio ostentato al calduccio di casa e dietro un monitor, si dissolve al contatto con la realtà del mondo.

  • Minacce e insulti a neomelodico tredicenne

    Matteo Milazzo è un ragazzino catanese che insegue il sogno di cantare. Il suo genere, quello napoletano, è diverso dal sound di Mario Venuti o di Lorenzo Fragola, ma comunque ha un suo seguito e i suoi concerti riempiono le piazze.

  • sesso alla plaia tra giovanissimi

    Premettiamo subito un aspetto: per mia natura odio ogni forma di moralismo. E’ un sentimento che ho acquisito nel tempo, dal momento che in tanti anni ho visto perversione e squallore addosso ai moralizzatori più che alla gente comune. Ma ritengo ugualmente che una minima forma di contegno debba contraddistinguere la vita di ciascuno di noi, altrimenti si scivola nell’anarchia più totale.

  • “maleducazione

    Nei giorni scorsi ho seguito con ghiotto interesse la storia dei maiali che scorazzavano allegramente in via Roccaromana a Catania. Se ne è parlato molto sui media locali, al punto che anche il Comune - udite udite! - ha pensato bene di accertare cosa stesse accadendo, sguinzagliando Asp veterinaria e polizia.

  • “Boschi

    A scoppio ritardato, la scorsa settimana una frangia della stampa nazionale ha improvvisamente acceso i riflettori sulla visita del ministro Boschi a Catania in sostegno del SI al referendum costituzionale.

  • “editoriale”=“editoriale“

    Centocinquanta milioni di euro. Il suono di una cifra praticamente immensa, se parametrata alle disponibilità di noi comuni mortali, ci fa capire quanto vasto e potente sia (o sia stato) l’impero di Mario Ciancio Sanfilippo, finito pesantemente sotto la lente della Direzione Distrettuale antimafia di Catania.

    Al punto di subire un sequestro stellare; al punto di perdere (almeno per ora) le redini del suo impero mediatico; del suo giornale; di una televisione; di decine di altre società. E’ la fine di uno dei “Vicerè” di Catania, hanno già sentenziato in molti. Tanti altri – soprattutto alcuni tra gli “epurati” dalle aziende editoriali della galassia Ciancio – avranno sorriso, ringraziando il karma. Ma piuttosto che pensare al concetto di giustizia cosmica, mi augurerei che venisse fatta quella terrena. Giustizia, non vendetta. E in fretta.

    Perché se Ciancio ha delle colpe è giusto che vengano appurate da un tribunale e in tempi celeri. È giusto che paghi se ha favorito la mafia, se ha lucrato, se ha usato i suoi giornali per fini deplorevoli. Ma non lo decideremo noi su twitter o su facebook. Tutto il resto è chiacchiericcio da bar, veleno, vendetta. E, se fate i giustizieri, queste doti non fanno per voi…



    ASCOLTA L'EDITORIALE


    Email: direttore@grupporadioamore.it

    Twitter: @aspitaleri

    ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO



    Per ascoltare il Direttore Antonio Spitaleri in radio, sintonizzati su:

    Radio Amore (Fm 99,00 per CT,SR,EN,RG,CL; 105.80 per ME; 88.30 per PA)
    Tutti i giorni alle 7, 18, 19, 21 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

    Radio Amore Nostalgia (Fm 91,60 per CT,SR,EN,RG,CL; 104.90 per ME)
    Tutti i giorni alle ore 6.30, 18.30, 19.30, 22.30 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

    Radio Amore Blu (Fm 92,00 per CT)
    Tutti i giorni alle ore 7.15, 20.15, 21.15 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

    N.B. Per le zone non raggiunte dal segnale FM, è possibile ascoltare la radio in streaming cliccando QUI.

  • “ladromaldestro”=“ladromaldestro“

    Ogni tanto si può anche sorridere di un fatto di cronaca, soprattutto quando l’episodio finisce bene per la vittima.

  • “prof

    Figli arroganti e genitori violenti, al punto da entrare in una classe e malmenare il professore davanti a una ventina di studenti.

  • rapina a trans

    Come definire quattro ragazzini che, annoiati dal logorio della propria inutilità quotidiana, rapinano un transessuale catanese e poi, per sfregio, lo arrotano con i motorini? Meglio non definirli affatto, rischierei di farmi revocare l’incarico dal mio fin troppo indulgente editore.

  • L'Intervista

    Ad Etnapolis, la città del tempo ritrovato, ritornano i protagonisti tv di "Ballando con le stelle"! Raimondo Todaro e Giovanni Ciacci hanno incontrato i fan e si sono divertiti insieme. Silvia Gentile li ha intervistati per noi.


    ASCOLTA L'INTERVISTA
  • allarme terrorismo

    Non per creare allarmismi ma, oggi più che mai, mi sento di ringraziare i tanti uomini delle forze dell’ordine impegnati – silenziosamente – nella sicurezza dei cittadini.

  • “carabiniere

    Ogni tanto è bello raccontare una storia di umanità, trovare un po’ di luce nel buio della quotidianità. È una storia che parla del silenzio di un ragazzino tredicenne che vive in uno dei tanti palazzoni di Librino, periferia di Catania.

  • “carabinieri

    Vedere il video amatoriale che ritrae una pattuglia di carabinieri sotto scacco di una folla inferocita e mafiosa nei modi, al punto da riuscire a fare scappare un giovane appena arrestato, mi ha dato il voltastomaco.

  • Vigile aggredito a sprangate

    Parliamoci chiaro: per qualcuno, a Catania, la legge è un reato. Sembra paradossale ma è così. Se non fosse così non sarebbe nemmeno concepibile pensare che un vigile urbano possa essere preso a colpi di spranga in testa solo perché ha cercato di far rispettare le regole.

  • sangue a Catania

    “Mamma, stasera esco in centro con gli amici. Non preoccuparti: porto il casco e la mazza da baseball”. Immagino, ironicamente ma non troppo, che a breve i figli di famiglia rassicureranno così i genitori prima di avventurarsi nella jungla del centro catanese.