Notizie
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Nostalgia Ascolta Radio Amore Blu Ascolta Radio Amore OneDance Ascolta Radio Amore Rock
cadavere di donna alla plaia

La vittima sarebbe originaria dell'est europeo

L’hanno ritrovata in mare alcuni pescatori, semi vestita e con una profonda ferita alla collo (probabilmente un colpo di arma da taglio), nello specchio d’acqua su cui si affaccia il Camping Europeo della plaia catanese.

La vittima è una giovane dell’età apparente di 25 anni, capelli scuri e carnagione chiara, non ancora identificata ma verosimilmente dell’est Europa. Il caso ha voluto che il ritrovamento avvenisse mentre all’interno del Camping una squadra di vigili del fuoco era impegnata nello spegnimento di un incendio divampato in un bungalow. Anche se non è confermato, sembra quasi certo che i due episodi abbiano una qualche correlazione tra loro. Di sicuro, dopo aver lanciato l’allarme ed aver recuperato il corpo, il caso è passato nelle mani della Squadra Mobile di Catania su incarico del pm Giovannella Scaminaci che ha aperto un fascicolo per omicidio.

Fin da subito gli uomini della omicidi si sono concentrati sulla ferita al collo della vittima: elemento che fa ipotizzare uno scontro, magari all’interno del bungalow, tra la ragazza - forse una clochard - e un’altra persona. E che quest’ultima, dopo averla colpita con rabbia, abbia trascinato e gettato il corpo senza vita in mare per poi dare alle fiamme il rifugio e cancellare frettolosamente le prove della sua presenza. Solo supposizioni, al momento, che dovranno essere confermate dai risultati dell’autopsia disposta dalla Procura e dalle prove che sarebbero sfuggite all'assassino. Una tra tutte, la presenza di tracce di sangue all'interno del bungalow e sulla sabbia. (as)