L'Editoriale
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Nostalgia Ascolta Radio Amore Blu Ascolta Radio Amore OneDance Ascolta Radio Amore Rock
immigrati morti in mare

E’ un copione che si ripete a cadenza regolare. Un nastro che si riavvolge e riparte: solo che i protagonisti sono sempre diversi, perché non si può morire due volte.

Un film dell’orrore, quello che racconta delle stragi del mare al largo delle coste siciliane. Un film meschino, perché sembra che nessuno, tra i tanti che pontificano nelle stanze dei bottoni, sia in grado di capire come evitare che trecento persone per volta vengano annientate nella speranza di oltrepassare il mediterraneo. Assistiamo quindi a un valzer goffo di tentativi politici dove non mancano i pestoni ai piedi. E così, se “Mare Nostrum” – operazione militare interforze di soccorso ai migranti, operativa fino a metà 2014 – è stata definita da qualcuno troppo dispendiosa in termini di uomini e mezzi, ora in tanti additano ‘Triton’, la sorella minore molto meno finanziata e con poteri di azione inferiori.

Ricapitolando: mentre loro, i politici, ‘sopra la panca’ piangono lacrime di coccodrillo, ‘sotto il mare’ la gente crepa. Non ci resta dunque che sperare nel lavoro delle procure siciliane, in testa Catania, che da ormai tre anni stanno mappando e indebolendo come possono le organizzazioni transnazionali responsabili delle traversate kamikaze. Un lavoro delicato, che si scontra con i limiti imposti dal diritto internazionale. Perché magari gli inquirenti sanno anche i nomi dei burattinai libici o egiziani, ma è difficile anche solo interrogarli senza l’autorizzazione dello Stato in cui risiedono. Autorizzazione che potrebbe non arrivare mai. E immaginate da soli il perché.

Email: direttore@grupporadioamore.it

Twitter: @aspitaleri

ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO



Per ascoltare il Direttore Antonio Spitaleri in radio, sintonizzati su:

Radio Amore (Fm 99,00 per CT,SR,EN,RG,CL; 105.80 per ME; 88.30 per PA)
Tutti i giorni alle 7, 18, 19, 21 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

Radio Amore Nostalgia (Fm 91,60 per CT,SR,EN,RG,CL; 104.90 per ME)
Tutti i giorni alle ore 6.30, 18.30, 19.30, 22.30 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

Radio Amore Blu (Fm 92,00 per CT)
Tutti i giorni alle ore 7.15, 20.15, 21.15 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

N.B. Per le zone non raggiunte dal segnale FM, è possibile ascoltare la radio in streaming cliccando QUI.

Antonio Spitaleri

Antonio Spitaleri, giornalista professionista, è il direttore responsabile del Gruppo Radio Amore. In quattordici anni di carriera ha lavorato a Roma, Siracusa, Catania. Già corrispondente dell'Agenzia nazionale radiofonica Area, per 7 anni ha curato la cronaca nera e la giudiziaria ad Antenna Sicilia, prima emittente tv siciliana, conducendo tg e trasmissioni d'informazione. Laureato in Giurisprudenza e utopista del giornalismo: crede che la realtà vada raccontata e difesa. Nonostante tutto.