L'Editoriale
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Nostalgia Ascolta Radio Amore Blu Ascolta Radio Amore OneDance Ascolta Radio Amore Rock
strage Charlie Hebdo

L’immagine più forte è quella che ritrae un poliziotto francese a terra. E’ ferito a una gamba e implora due uomini incappucciati di non ucciderlo. Due secondi dopo, un colpo di AK 47 in testa lo finisce.

E’ solo il corollario di una mattinata di terrore e sangue a Parigi: una città che in trenta secondi si è vista decimare la redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo, sotto mira degli estremisti islamici per via di alcune copertine ritenute blasfeme nei confronti del profeta Maometto. I terroristi, che secondo alcuni testimoni parlavano perfettamente il francese, sono entrati in redazione sapendo che di mercoledì avrebbero trovato il direttore e i suoi più stretti collaboratori. Li hanno sorpresi mentre discutevano la bozza del prossimo numero in uscita e urlando in arabo frasi come “Allah è grande!” hanno fatto fuoco massacrando undici persone sul colpo, ferendone cinque. Un redattore morirà poco dopo.

Fin qui la cronaca. La cronaca dell’inferno sulla terra: un massacro annunciato, forse presagito anche dagli stessi vignettisti di Charlie Hebdo, che in uno dei numeri più recenti avevano ironizzato sulla possibilità di essere ammazzati a breve. “Aspettiamo fine gennaio – scriveva il direttore Stèphane Charbonnier, tra le 12 vittime – per farci gli auguri”. Gennaio è appena cominciato e la Francia è in lutto, così come in lutto sono tutti coloro che credono nella democrazia e nella libertà. Fino a quando si ucciderà la penna con il piombo non ci sarà pace e giustizia per nessuno. Ecco perché, giornalisti e non, oggi più che mai siamo tutti Charlie Hebdo.

Email: direttore@grupporadioamore.it

Twitter: @aspitaleri

ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO



Per ascoltare il Direttore Antonio Spitaleri in radio, sintonizzati su:

Radio Amore (Fm 99,00 per CT,SR,EN,RG,CL; 105.80 per ME; 88.30 per PA)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7, 18, 19, 21
L'Editoriale dal Lun a Ven alle ore 7, 14, 19

Radio Amore Nostalgia (Fm 91,60 per CT,SR,EN,RG,CL; 104.90 per ME)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 6.30, 18.30, 19.30, 22.30
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 6.30, 14.30, 19.30

Radio Amore Blu (Fm 92,00 per CT)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7.15, 20.15, 21.15
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 7.15, 13.15, 20.15

N.B. Per le zone non raggiunte dal segnale FM, è possibile ascoltare la radio in streaming cliccando QUI.

Antonio Spitaleri

Antonio Spitaleri, giornalista professionista, è il direttore responsabile del Gruppo Radio Amore. In quattordici anni di carriera ha lavorato a Roma, Siracusa, Catania. Già corrispondente dell'Agenzia nazionale radiofonica Area, per 7 anni ha curato la cronaca nera e la giudiziaria ad Antenna Sicilia, prima emittente tv siciliana, conducendo tg e trasmissioni d'informazione. Laureato in Giurisprudenza e utopista del giornalismo: crede che la realtà vada raccontata e difesa. Nonostante tutto.