L'Editoriale
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Nostalgia Ascolta Radio Amore Blu Ascolta Radio Amore OneDance Ascolta Radio Amore Rock
Arresto di Massimo Carminati

Dalla Sicilia a Roma una linea invisibile congiunge gli affari sporchi di un Paese marcio. Puoi chiamarla come vuoi, ma la mafia – semmai avessimo fatto i finti tonti sino ad ora – non ha confini: boss siciliani parlano al telefono con la cupola criminale romana chiedendo appoggi logistici e organizzando omicidi.

IL’inchiesta “Mondo di mezzo” offre questo spaccato amaro. Ci parla di “patti” stretti tra i santapaoliani di Siracusa con l’ex Nar e sgherro della banda della Magliana Massimo Carminati; ci conferma, grazie anche alla collaborazione di pentiti, intrecci pericolosissimi che sarebbero presto degenerati in stragi e scambi di favori sempre più torbidi. Una bomba a orologeria fermata, forse, appena in tempo dagli inquirenti ma che non può non farci riflettere.

La mafia è un problema italiano; non del sud. La piovra colonizza il territorio partendo dalla politica di ogni bandiera e passando dall’impresa. Bustarelle e ghiotti affari; nomine pilotate; piccola e grande criminalità. Tutto è “mondo di mezzo”: un limbo viscido nel quale sguazzare per stuprare l’Italia da sud a nord. Un grande bordello dove puoi offrire e comprare di tutto. Del resto, così dice Carminati intercettato al telefono: “bisogna vendersi come le puttane”. Era ora che qualcuno cominciasse a ripulire i marciapiedi.

Twitter: @aspitaleri

ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO


Per ascoltare "L'Editoriale di Antonio Spitaleri" in radio, sintonizzati su:

Radio Amore (Fm 99,00) alle ore 7, 14, 19.

Radio Amore i migliori anni (Fm 91,60) alle ore 8, 15, 21.

Radio Amore Blu (Fm 92,00) alle ore 9, 16, 22.

Radio Amore Dance (Fm 87,80) alle ore 6, 13, 20.

(da Lunedì a Venerdì, anche in streaming).

Antonio Spitaleri

Antonio Spitaleri, giornalista professionista, è il direttore responsabile del Gruppo Radio Amore. In quattordici anni di carriera ha lavorato a Roma, Siracusa, Catania. Già corrispondente dell'Agenzia nazionale radiofonica Area, per 7 anni ha curato la cronaca nera e la giudiziaria ad Antenna Sicilia, prima emittente tv siciliana, conducendo tg e trasmissioni d'informazione. Laureato in Giurisprudenza e utopista del giornalismo: crede che la realtà vada raccontata e difesa. Nonostante tutto.