Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Nostalgia Ascolta Radio Amore Blu Ascolta Radio Amore OneDance Ascolta Radio Amore Rock
  • lo strano caso delle frequenze di Ciancio

    Diciassette milioni di euro: spicciolo più, spicciolo meno. A tanto ammonta il capitale che le società del gruppo Ciancio (quelle che ora sono in crisi e stanno licenziando tutti i dipendenti) avrebbero fatturato pochi anni addietro vendendo frequenze televisive ai colossi Telecom e MTV Italia.

  • Il Radio Giornale

    Catania: rinviato a giudizio l'editore Mario Ciancio Sanfilippo con l'accusa di concorso esterno alla mafia. Il processo comincerà il 20 marzo 2018. Questa e altre notizie nel Radio Giornale


    ASCOLTA IL RADIO GIORNALE
  • tegola su Mario Ciancio

    Mettiamo subito in chiaro che non mi stupisce per nulla se un imprenditore ricchissimo (che si chiami Mario Ciancio o pinco pallino), prima o poi finisce incastrato tra le maglie della giustizia. Non mi scandalizza che siano sequestrati soldi all’estero e nemmeno che questi soldi puzzino, a detta della Procura, dell’odoraccio di mafia in giacca e cravatta.

  • “editoriale”=“editoriale“

    Centocinquanta milioni di euro. Il suono di una cifra praticamente immensa, se parametrata alle disponibilità di noi comuni mortali, ci fa capire quanto vasto e potente sia (o sia stato) l’impero di Mario Ciancio Sanfilippo, finito pesantemente sotto la lente della Direzione Distrettuale antimafia di Catania.

    Al punto di subire un sequestro stellare; al punto di perdere (almeno per ora) le redini del suo impero mediatico; del suo giornale; di una televisione; di decine di altre società. E’ la fine di uno dei “Vicerè” di Catania, hanno già sentenziato in molti. Tanti altri – soprattutto alcuni tra gli “epurati” dalle aziende editoriali della galassia Ciancio – avranno sorriso, ringraziando il karma. Ma piuttosto che pensare al concetto di giustizia cosmica, mi augurerei che venisse fatta quella terrena. Giustizia, non vendetta. E in fretta.

    Perché se Ciancio ha delle colpe è giusto che vengano appurate da un tribunale e in tempi celeri. È giusto che paghi se ha favorito la mafia, se ha lucrato, se ha usato i suoi giornali per fini deplorevoli. Ma non lo decideremo noi su twitter o su facebook. Tutto il resto è chiacchiericcio da bar, veleno, vendetta. E, se fate i giustizieri, queste doti non fanno per voi…



    ASCOLTA L'EDITORIALE


    Email: direttore@grupporadioamore.it

    Twitter: @aspitaleri

    ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO



    Per ascoltare il Direttore Antonio Spitaleri in radio, sintonizzati su:

    Radio Amore (Fm 99,00 per CT,SR,EN,RG,CL; 105.80 per ME; 88.30 per PA)
    Tutti i giorni alle 7, 18, 19, 21 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

    Radio Amore Nostalgia (Fm 91,60 per CT,SR,EN,RG,CL; 104.90 per ME)
    Tutti i giorni alle ore 6.30, 18.30, 19.30, 22.30 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

    Radio Amore Blu (Fm 92,00 per CT)
    Tutti i giorni alle ore 7.15, 20.15, 21.15 con Il Radiogiornale e L'Editoriale

    N.B. Per le zone non raggiunte dal segnale FM, è possibile ascoltare la radio in streaming cliccando QUI.

  • concluse indagini su Mario Ciancio

    Non voglio discutere più di tanto degli accertamenti che una Procura compie nei confronti di un indagato: sia esso un signor nessuno o un editore monopolista di successo, con lo sguardo furbo e i capelli ormai bianchi.