L'Editoriale
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore I Migliori Anni Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Dance Ascolta Radio Amore Rock
Orioles e la radiazione che non c'è

Un titolo ad effetto è un titolo ad effetto, non c’è che dire. E quando un giovane giornalista legge che Riccardo Orioles - firma evocativa di grandi imprese antimafia nell’isola di cannoli, pizza, pizzo e mandolino - sarebbe stato radiato dall’Ordine dei giornalisti di Sicilia per non aver pagato alcune quote annuali, il primo istinto è quello di indignarsi per partito preso.

Poi però subentra un barlume di raziocinio, e quelle polverose nozioni sciorinate in anni di professione (come la verifica delle fonti) prendono il sopravvento imponendo un faticosissimo impegno: alzare il telefono e fare due chiamate, prima di scrivere minchiate. E così si conosce anche un’altra versione della vicenda, molto meno brutale nei toni e nei modi. Si apprende che Orioles non è stato radiato; che l’Ordine gli ha notificato più volte in questi anni gli arretrati da pagare ma che ultimamente gli sarebbe anche stato chiesto se avesse intenzione o meno di rimanere iscritto all’albo. Inutile precisare che una richiesta simile sottintenda al pagamento, ininfluente da parte di chi, di ciò che deve essere pagato per rimettere i conti a posto.

Probabilmente la seconda versione della storia è interessata a pochi; eppure sarebbero bastate al massimo tre telefonate per avere un quadro bilanciato della vicenda. Forse la denuncia “urbi et orbi” di Claudio Fava (che, ricordo a me stesso, gode di insindacabilità parlamentare, oltre ad essere un giornalista) ha convinto i più, ma una sola voce non basta per sparare fucilate sul web garibaldino dell’indignazione saccente. “Filosofi rivoluzionari” si indignano se vogliono radiare Orioles perché non può pagare la quota annuale, ma non per il fatto che un’icona del giornalismo come Orioles non abbia un lavoro che gli permetta di pagarla. Misteri della fede.

Email: direttore@grupporadioamore.it

Twitter: @aspitaleri

ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO



Per ascoltare il Direttore Antonio Spitaleri in radio, sintonizzati su:

Radio Amore (Fm 99,00 per CT,SR,EN,RG,CL; 105.80 per ME; 88.30 per PA)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7, 18, 19, 21
L'Editoriale dal Lun a Ven alle ore 7, 14, 19

Radio Amore i migliori anni (Fm 91,60 per CT,SR,EN,RG,CL; 104.90 per ME)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 6.30, 18.30, 19.30, 22.30
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 6.30, 14.30, 19.30

Radio Amore Dance (Fm 87,80 per CT,SR; 106.70 per ME)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7.45, 19.45
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 7.45, 13.45, 19.45

Radio Amore Blu (Fm 92,00 per CT)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7.15, 20.15, 21.15
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 7.15, 13.15, 20.15

N.B. Per le zone non raggiunte dal segnale FM, è possibile ascoltare la radio in streaming cliccando QUI.

Antonio Spitaleri

Antonio Spitaleri, giornalista professionista, è il direttore responsabile del Gruppo Radio Amore. In quattordici anni di carriera ha lavorato a Roma, Siracusa, Catania. Già corrispondente dell'Agenzia nazionale radiofonica Area, per 7 anni ha curato la cronaca nera e la giudiziaria ad Antenna Sicilia, prima emittente tv siciliana, conducendo tg e trasmissioni d'informazione. Laureato in Giurisprudenza e utopista del giornalismo: crede che la realtà vada raccontata e difesa. Nonostante tutto.