L'Editoriale
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore I Migliori Anni Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Dance Ascolta Radio Amore Rock
Crocetta parla. Nel giorno sbagliato

Crocetta non ce la fa. Non ce la fa a stare zitto, nemmeno nel giorno in cui anche il più impedito dei consiglieri avrebbe dovuto imporgli di defilarsi dalla scena.


GUARDA L'INTERVISTA AL CORRIERE DELLA SERA

Non perché non sia legittimo dire la propria, ma rilasciare una video intervista nella quale l’uomo dello scandalo ribadisce di essere una vittima, al pari di Lucia Borsellino (e nel giorno in cui si ricorda con dolore la strage di Paolo Borsellino e della scorta) è veramente troppo. Forse il più grande errore di Crocetta è questo: agire d’istinto, sfogarsi a favore di telecamera con parole di pancia e teorie complottiste dal sapore adulterato. Il Governatore parla e la dà vinta a Buttafuoco, quando di lui scrive che “...dice dice e dice e non capisce quello che dice”. Se non fosse così, avrebbe evitato di puntarsi un riflettore addosso nel giorno di Borsellino; a poche ore dal gesto fin troppo eloquente del presidente Mattarella, che ha rotto il cerimoniale per abbracciare Manfredi dopo il suo pesantissimo discorso in difesa della sorella Lucia. E anche se Manfredi Borsellino non ha fatto apertamente il nome del Governatore esiliato a Tusa, anche i muri hanno capito contro chi quelle parole di fuoco erano rivolte.

Crocetta per difendersi attacca e si paragona a un guerriero. Dice che non si dimetterà e che dovrà essere la sua coalizione a sfiduciarlo. Probabilmente conta sul fatto che ancora i deputati non hanno maturato il vitalizio; probabilmente spera che i giornali si occupino di altre questioni e mollino la presa dalle sue chiappe (sbiancate o meno). Probabilmente invece farà dietrofront e smentirà sé stesso. Perché l’impressione che si ha di Saro Crocetta è che parli quando non deve parlare, e stia zitto quando invece dovrebbe incazzarsi.

Email: direttore@grupporadioamore.it

Twitter: @aspitaleri

ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO



Per ascoltare il Direttore Antonio Spitaleri in radio, sintonizzati su:

Radio Amore (Fm 99,00 per CT,SR,EN,RG,CL; 105.80 per ME; 88.30 per PA)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7, 18, 19, 21
L'Editoriale dal Lun a Ven alle ore 7, 14, 19

Radio Amore Nostalgia (Fm 91,60 per CT,SR,EN,RG,CL; 104.90 per ME)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 6.30, 18.30, 19.30, 22.30
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 6.30, 14.30, 19.30

Radio Amore Blu (Fm 92,00 per CT)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7.15, 20.15, 21.15
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 7.15, 13.15, 20.15

N.B. Per le zone non raggiunte dal segnale FM, è possibile ascoltare la radio in streaming cliccando QUI.

Antonio Spitaleri

Antonio Spitaleri, giornalista professionista, è il direttore responsabile del Gruppo Radio Amore. In quattordici anni di carriera ha lavorato a Roma, Siracusa, Catania. Già corrispondente dell'Agenzia nazionale radiofonica Area, per 7 anni ha curato la cronaca nera e la giudiziaria ad Antenna Sicilia, prima emittente tv siciliana, conducendo tg e trasmissioni d'informazione. Laureato in Giurisprudenza e utopista del giornalismo: crede che la realtà vada raccontata e difesa. Nonostante tutto.