L'Editoriale
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore I Migliori Anni Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Dance Ascolta Radio Amore Rock
attentato via Palestro

Ascoltare certe dichiarazioni di pentiti fa venire davvero la pelle d’oca. Non solo per l’atrocità delle rivelazioni che fanno (a verificarle ci penserà la magistratura), quanto per il disprezzo assoluto che emerge dai progetti terroristici delle cosche verso cittadini innocenti.

Un piano dell’orrore, finora inedito, lo abbiamo sentito ieri dalla bocca di Giovanni Brusca, mandante ed esecutore della strage di Capaci, interrogato in qualità di teste al processo contro Marcello Tutino: basista della strage di via Palestro del luglio ’93. Quasi senza battere ciglio, Brusca ha spiegato che Cosa Nostra aveva deciso di disseminare migliaia di siringhe infette sulle spiagge di Rimini per scatenare i contagi di AIDS. Né più né meno che sganciare una bomba alla cieca: una strage a effetti ritardati contro grandi e bambini, indifferentemente. Lo scopo era quello di mettere in ginocchio lo Stato, spostando il mirino dai magistrati a persone comuni, monumenti e musei, per imporre la cosiddetta ‘trattativa’ Stato-mafia.

Progetti spaventosi, insomma. Alcuni riusciti, come i Georgofili e via Palestro; altri scongiurati, come quello alla torre di Pisa o la mattanza delle siringhe infette. Un quadro simile farebbe inorridire chiunque, eppure in Sicilia si fatica ad avere una vera identità antimafiosa. Lo si capisce dalle piccole cose. Per risolvere un litigio pesante spesso si minaccia il ricorso agli “amici che contano”, non alla polizia. In certi quartieri si cresce con il valore del “silenzio”, perché il nemico è lo sbirro. Ma le siringhe che volevano sparpagliare gli amici di Brusca in spiaggia non erano certo destinate agli sbirri. Per lo meno, non solo.

Email: direttore@grupporadioamore.it

Twitter: @aspitaleri

ACCEDI PER COMMENTARE QUESTO ARTICOLO



Per ascoltare il Direttore Antonio Spitaleri in radio, sintonizzati su:

Radio Amore (Fm 99,00 per CT, 105.80 per ME, 88.30 per PA)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7, 19, 21
L'Editoriale dal Lun a Ven alle ore 7, 14, 19 (in pausa dal 15 Luglio al 15 Settembre)

Radio Amore i migliori anni (Fm 91,60 per CT, 104.90 per ME)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 6.30, 19.30, 20.30
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 8, 14.30, 19.30 (in pausa dal 15 Luglio al 15 Settembre)

Radio Amore Dance (Fm 87,80 per CT, 106.70 per ME)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 8, 19.45
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 6, 13.45, 19.45 (in pausa dal 15 Luglio al 15 Settembre)

Radio Amore Blu (Fm 92,00)
Il Radiogiornale da Lun pomeriggio a Sab alle ore 7.30, 18.45, 20.45
L'Editoriale da Lun a Ven alle ore 9, 14.45, 20.45 (in pausa dal 15 Luglio al 15 Settembre)

N.B. Per le zone non raggiunte dal segnale FM, è possibile ascoltare la radio in streaming cliccando QUI.

Antonio Spitaleri

Antonio Spitaleri, giornalista professionista, è il direttore responsabile del Gruppo Radio Amore. In quattordici anni di carriera ha lavorato a Roma, Siracusa, Catania. Già corrispondente dell'Agenzia nazionale radiofonica Area, per 7 anni ha curato la cronaca nera e la giudiziaria ad Antenna Sicilia, prima emittente tv siciliana, conducendo tg e trasmissioni d'informazione. Laureato in Giurisprudenza e utopista del giornalismo: crede che la realtà vada raccontata e difesa. Nonostante tutto.