Notizie
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore I Migliori Anni Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Dance Ascolta Radio Amore Rock
assemblea confcooperative

Con la nascita dei Consigli territoriali, nell'ottica di razionalizzare e potenziare i servizi per le imprese, cambia volto la storica struttura di rappresentanza delle cooperative.

Si è svolta a Catania, sabato 16 Gennaio 2016, l'assemblea straordinaria di Confcooperative per la provincia di Catania. Una grande partecipazione dei rappresentanti delle società aderenti alla storica associazione ha sottolineato l'importanza del momento storico, poichè con atto notarile è stata sciolta l'Unione di Catania, che confluirà dentro l'organismo regionale, ed è stato eletto il nuovo Consiglio territoriale. Un importante cambiamento strutturale che permetterà di essere più in linea con i tempi, ottenendo razionalizzazione dei costi, specializzazione dei servizi e rafforzamento dell'attività di rappresentanza a favore delle imprese. Sarà Gaetano Mancini, già precedentemente presidente dell'Unione, a guidare con esperienza il Consiglio territoriale, che a sua volta sarà composto da numerosi soggetti, tra cui Giacomo Scuderi (socio editore del Gruppo Radio Amore), Riccardo Tomasello (imprenditore di cui si parla anche più avanti in questo articolo), Franco La Mancusa (titolare dello splendido agriturismo Borgo San Nicolao di Randazzo), Alfio Ponte (Presidente delle Guide Alpine dell'Etna). Dopo una storia a Catania di 67 anni, iniziata il 26 febbraio 1949 nella prima sede sociale al numero 8 di via Etnea, cambia dunque il modello organizzativo.

Antonella Leornardi

La giovane siciliana è la coordinatrice per la Sicilia. Grandi progetti per lo sviluppo del settore.

La dott.ssa Antonella Leonardi, 26 anni, è stata nominata coordinatrice della Camera Regionale della Moda Italiana per la Regione Sicilia. La Camera Regionale della Moda Italiana è una realtà che vuol dare spazio agli stilisti che vogliono esprimersi non solo nel territorio siciliano, ma anche nel territorio nazionale e nell’ambiente internazionale.

Camusso e Renzi

Trovato l'accordo sull'Art.18 tra i partiti. I Sindacati insorgono e il 12 Dicembre sarà sciopero generale.

Presentato in Commissione alla Camera l'emendamento del governo alla legge delega sul lavoro, che riformula la norma sull'articolo 18: sì al reintegro per i licenziamenti disciplinari, per quelli economici ci sarà solo un indennizzo. Accordo raggiunto tra Pd e Nuovo centrodestra. "Il governo - conferma il ministro dell'Economia Padoan - è determinato a partire da gennaio con le nuove regole sul lavoro.

Di conseguenza a ciò, il 12 dicembre ci sarà lo sciopero generale di Cgil e Uil contro la Legge di stabilità e il Jobs act. Lo hanno deciso i leader delle due organizzazioni, Camusso e Barbagallo, che si sono incontrati in occasione del congresso della Uil a Roma. Non aderisce allo sciopero la Cisl, pronta invece ad una mobilitazione unitaria sul pubblico impiego.