Prima Fila
Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore I Migliori Anni Ascolta Radio Amore Ascolta Radio Amore Dance Ascolta Radio Amore Rock

Prima Fila 

Radio Amore non è solo musica od intrattenimento, ma anche arte e cultura.
Nell’area dedicata al teatro, i nostri radioascoltatori e non solo, oltre ai continui aggiornamenti, potranno trovare ogni sorta di informazione, notizia, approfondimento e curiosità su commedie, registi ed attori.
Proprio come se fossero in “prima fila”…

 

 

- da mercoledì 12 Feb 2014 a domenica 23 Feb 2014


MAURIZIO CASAGRANDE e TOSCA D'AQUINO
IL PRIGIONIERO DELLA SECONDA STRADA
di Neil Simon traduzione di Maria Teresa Petruzzi

regia Giovanni Anfuso
 
 
Prigioniero della seconda strada è di sorprendente attua- lità ed ha per oggetto una piccola famiglia aggredita dalla crisi economica. Lui, il marito, è un piccolo uomo onesto; lei, la moglie, una donna coraggiosa che sa volare alto, come solo le donne sanno fare.
La pièce prende il via in una serata estiva, tremendamente calda, a New York. Sul divano di casa sua, sulla Seconda Strada, Mel non riesce a dormire a causa di una serie di irresistibili ed esilaranti nevrosi scaturite dal troppo caldo fuori e dal troppo freddo dentro, da un condizionatore rotto e perennemente fermo a 4°, dallo sciacquone difettoso del gabinetto, da vicine rumorose e decisamente libertine, da cani che abbaiano e da vicini che si lamentano proprio del suo lamentarsi.
A fare da contraltare al protagonista ,l’affettuosa moglie Edna che, cercando di carpire al marito la causa vera di tanta insoddisfazione, tenta di tranquillizzarlo, in qualche modo, visto che il lavoro, ormai, non lo affascina più.
Non può affadcinare un lavoro che non c’è!Infatti Mei da 22 anno dirigente di un’azienda, adesso in piena crisi economica  è stato licenziato in tronco ma per vergogna tiene all’oscuro la moglie  trincerandosi dietro nevrosi , gastriti e quant.altro
Questo almeno, finché i ladri non gli svaligiano la casa e lui si trova costretto a svelare, alla moglie, la verità. Senza soldi, senza vestiti, senza alcolici, senza farmaci, in un crescendo tragicomicoo gli arriva anche una secchiata d’acqua da un condomino stamco di sentirlo
Così, al povero Mel, non resta altro che approdare alle cure di un terapista sui generis, a coronamento delle quali incontra i componenti della famiglia eccentrici o svampiti, accumunati da una sorta di odio-amore verso Mel, fratello più grande. In realtà nessuno di loro è li per aiutarlo così ad enea non resta altro che riprendere il lavoro di segreteria in una grande azienda per portare, almeno lei, uno stipendio in casa.
Ma la donna non farà nemmeno in tempo, poiché   l’azienda, in pieno fallimento, la licenzia su due piedi. E tornata in casa scopre che non c’è neanche un filo d’acqua per una doccia distensiva. Adesso è lei ad imprecare contro la vicina, responsabile dell’acqua condominiale.
Questa, nonostante l’intero edificio sia senza acqua, tira giù un’altra secchiata che, anche questa volta, finisce sulla testa dell’incolpevole Mel. Il quale risponde con un sorriso sincero e rassicurante come Edna non lo aveva mai visto: “Sono così fiera di te” gli dice “perché sei migliore... Migliore di tutti quanti...”. Finalmente I due si sono accorti di quanto il loro amore sia più forte della mancanza di soldi, di lavoro e di acqua.

le foto sono di Tommaso le Pera
 
 
 
-da mercoledì 26 Feb 2014 a domenica 23 Mar 2014

CARLO BUCCIROSSO
LA VITA E' UNA COSA... MERAVIGLIOSA!
la nuova commedia scritta e diretta da CARLO BUCCIROSSO


Scenografia Gilda Cerullo
Costumi Zaira De Vincentis
Disegno Luci Francesco Adinolfi
Musiche Bruno Lanza

In un mondo che ha ormai smarrito i valori rassicuranti dell’anima, le certezze più confortevoli, le ancore di salvataggio di un’esistenza sempre più simile ad una lotta per la sopravvivenza, in cui lo stato e gli uomini chiamati a rappresentarlo appaiono sempre più come fantasmi in cerca di legalità  ed onestà decedute da tempo, la fuga dal rapporto sociale ed il rifugio tra le proprie mura domestiche appaiono soluzioni tristemente indispensabili per la ricostruzione della dignità ed il rafforzamento della propria fede, quella che tiene unito l’uomo al proprio nucleo familiare come un cordone ombelicale indissolubile!  E sarà forse a quel punto che anche la più gigantesca, la più insuperabile, la più inesorabile delle crisi di un intero paese, forse di una intera umanità, sarà lasciata alle spalle come un ciclone che si allontana funereo e spietato a far danni in qualche altra parte del mondo, mentre la tua allegra famigliola, stretta a te,  ti sorride felice, fiduciosa, rinsavita e speranzosa, consapevole e rigenerata, dal ritorno tra le mura confortevoli del proprio bunker familiare! La riconquista della propria vita, straziata e mortificata, poi restituita da un cumulo di macerie alle quali nemmeno il più insensibile degli esseri umani sarebbe stato capace di sopravvivere! Sembra la trama di un costoso film catastrofico hollywoodiano, e invece è solo la piccola squallida  trama della vita del nostro misero paese...! 

Carlo Buccirosso